Back to Up to now

Galerie Ferrero, Nice, 2005

2 - 29 August 2005

During the summer of 2005, Galerie Ferrero hosted an exhibition of David Shilling's three-dimensional paintings and sculptures.

David Shilling's all-white canvases are instantly recognizable. For over 10 years he has been creating these three-dimensional always white paintings. He combines classic elements with his experiences in other three-dimensional work, most notably hats which have made him internationally famous, and the result is totally unique.

"White encapsualtes every colour and lets you free to run riot with your magination. They suggest fragments of the story and it is up to you to complete the picture. These canvases demand enormous concentration and patience. Many people call them sculptures, but I think of them as them paintings because they are intended to be hung on the wall and I paint them".

The paintings were shown with some brand new metal wall-hangings which were even more sculptural. Metal icons like lips and hearts, springing from metal spirals in the brightest colours and vying for your attention. The centrepiece of the show was one large free-standing metal sculpture, smaller than many of those displayed in Regent's Park during 2005 but from the same series. The piece is like a life form from another world, featuring signature David Shilling elements, presiding over the room and reaching out with its organic forms.

David on Beach in Nice

David Shilling on Nice beach, Promenade des Anglais, 2005

LaRiviera

VENERDI’ 27 MAGGIO 2005

Ad agosto c’è Shilling

NIZZA – Un’anteprima per agosto alla Galleria Ferrero di Nizza: l’artista britannico David Shilling esporrà qui le sue tele monocrome contemporaneamente all’esposizione estiva di sculture monumentali al Regent Park di Londra. A Nizza verranno invece esposte tele completamente bianche capaci di evolvere, tramite un gioco di pieghe, in opere tridimensionali: pitture bianche in cui l’elemento classico si combina con l’esperienza prospettica delle sculture che - come quelle esposte a Londra - sono forgiate nel metallo e si slanciano come depurate del peso in sfoglie laminate, linee e spirali. Residente tra Londra e Monaco, Shilling è oggi artista di fama internazionale, grazie ad esposizioni in musei e gallerie del calibro del Metropolitan Museum di New York, il Philadelphia Museum of Art, il Museo delle arti decorative di Parigi, il Victoria and Albert Museum di Londra, sua città natale. Anche il governo inglese ha acquistato una delle sue tele per la propria collezione d’arte.

Un artista autodidatta ed eclettico che comincia come designer e conosce i suoi primi successi grazie ai suoi modelli per costumi di teatro, di balletto e d’opera. Poi si fa conoscere per le collezioni di accessori e di bijoux, rivelando grande originalità in particolare nella realizzazione di cappelli, con un immediato riscontro di pubblico e di successo in ambito artistico e mediatico: tutto il jet set di Ascot esibisce le sue creazioni. Il suo lavoro artistico e fotografico lo porta presto ad acquisire una certa fama al seguito di nomi come quello di Cecil Beaton, David Bailey, Lord Snowdon, Lichfield e Mario Testino.

Dall’1 al 29 agosto alla Gallerie Ferrero di Nizza – rue du Congrès 2 – perché: « Volevo da tempo esporre in Costa Azzurra, in una galleria con una reputazione di qualità. Mi è piaciuta l’idea di esporre in uno spazio che si è fatto conoscere per l’esposizione degli artisti della Scuola di Nizza - da Ben ad Arman, da Moya a César – ma anche di artisti stranieri della levatura di Robert Indiana o Andy Warhol».

C.Cla.